Consigli di viaggio - POLINESIA FRANCESE

TORNA ALLA LISTA

Storia


La Polinesia Francese un gruppo di isole polinesiane annesse dalla Francia durante il XIX secolo e chiamata fino al 1958 «Établissements de l'Océanie» (Possedimenti dell'Oceania).

Suddivisioni


La Polinesia Francese è composta da 5 suddivisioni amministrative:

le Isole del Vento
le Isole Sottovento
le Isole Marchesi
le Isole Australi
le Isole Tuamotu-Gambier, le più vicine Pitcairn.
Esistono inoltre 44 Comuni della Polinesia francese.

Geografia


La Polinesia francese si estende per 4.200 km² di terre emerse distribuiti su 2,5 milioni di km², ossia l'equivalente della superficie dell'Europa. È costituita da 118 isole, di origine vulcanica o corallina, distribuite tra cinque arcipelaghi:

Le isole Australi
le Isole della Società, le più importanti, costituita da:
le Isole del Vento (Tahiti, Maiao, le isole alte di Mehetia, Moorea e l'atollo Tetiaroa)
le Isole Sottovento (Raiatea, Tahaa, Huahine, Bora Bora e Maupiti),
l'Arcipelago Tuamotu,
l'Arcipelago Gambier,
le Isole Marchesi,

Isole della Società

Tahiti, Moorea, Bora Bora, Huahine, Raiatea, Tahaa, Maupiti: isole vulcaniche, circondate da lagune e isolotti corallini.

TAHITI ha spiagge di sabbia nera ed un interno dalla vegetazione lussureggiante ma la sua laguna è meno attraente delle altre, perciò viene considerata per soggiorni di poche notti e spesso a Papeete  la capitale dove è possibile visitare il caratteristico mercato.

TETIAROA, vicinissima a Tahiti e Moorea, un atollo nell'arcipelago delle Isole della Società conosciuta come l'isola di Marlon Brando, ospita oggi un solo resorto di lusso, che offre un soggiorno esclusivo e ricercato in un contesto unico ed irripetibile L'atollo è collegato con dei voli privati all'isola di Tahiti o è raggiungibile con escursioni giornaliere in barca.

MOOREA  vicina a Tahiti, lascia a bocca aperta per la scenografia dei suoi rilievi acuminati, la laguna turchese e i piccoli motu.

BORA BORA è famosa  per la sua laguna dalle mille tonalità di azzurro, al centro della quale si staglia la verde isola con il monte Otemanu.

MAUPITI ha un paesaggio simile a quello di Bora Bora, ma è meno turistica: qui si trovano solo pensioni a gestione familiare.

TAHAA e RAIATEA (isole vicine che condividono la stessa laguna) offrono un interessante combinato di paesaggi paradisiaci e cultura polinesiana.

HUAHINE ha una bella varietà di paesaggio, una vegetazione rigogliosa e spiagge di sabbia bianca.

Isole  Tuamotu
Rangiroa, Fakarava, Tikehau, Manihi, Ahe e molte altre isole coralline a forma di anello. Questi atolli racchiudono lagune turchesi ricchissime di vita, un paradiso per gli amanti del mare e delle immersioni, ideali per trascorrere qualche giorno in un contesto naturale eccezionale e molto romantico, dove ritrovare armonia nel corpo e nello spirito.

RANGIROA è l'atollo più esteso ed offre meravigliose escursioni alla scoperta degli angoli più belli della laguna.

TIKEHAU è noto per le sue spiagge rosa, i paesaggi paradisiaci e l'atmosfera rilassata.

FAKARAVA è una tappa da non perdere per gli appassionati di snorkeling e subacquea. E' anche consigliata a chi cerca un’esperienza polinesiana fuori dai circuiti turistici e a contatto con la natura. 

Isole Marchesi

Tutta un’altra Polinesia! Nuku Hiva, Hiva Oa, Ua Pou, Ua Huka, Fatu Hiva, Tahuata... queste isole montuose sono la culla della cultura polinesiana e si ergono dall'oceano come fortezze, ricoperte da una magnifica vegetazione. Sono piuttosto impervie e difficili da visitare (solo facendo trekking o in 4x4, cavallo ed elicottero) e non offrono lagune e barriera corallina, per questo le consigliamo ai viaggiatori interessati al loro aspetto culturale e naturalistico.

Isole Australi
Rurutu, Tubuai, Raivavae… Situato all’estremo sud, l’Arcipelago comprende 5 isole selvagge dai rilievi dolci, stupende e sconosciute, dove l’unica tipologia di alloggio disponibile è la pensione familiare.
Hanno un clima più fresco e sono luogo d’incontro delle balene megattere da luglio a ottobre.

Arcipelago delle Gambier

Situato all’estremità orientale del territorio della Polinesia Francese, a ben 4 ore di volo da Tahiti, è costituito dall’isola di Mangareva e la sua cintura di isolotti e atolli. Come alle Australi, anche qui il clima è più fresco e l’unica tipologia di alloggio è la pensione familiare.

Spiagge e Lagune in Polinesia


La Polinesia Francese è famosa per la sua natura, la sua gente, ma soprattutto per i colori fantastici nelle sue placide lagune. Le spiagge non sono molto estese e sono costituite da pezzetti di corallo bianco misti a sabbia. Il fondale è generalmente solido fin dall’ingresso in acqua e digrada lentamente.
Queste caratteristiche fanno si che l’acqua assuma colori e trasparenze incredibili, illuminando il paesaggio e permettendo di ammirare le forme di vita marina.
Apprezzerete maggiormente quindi la vostra esperienza in Polinesia conoscendo questo aspetto e programmando una vacanza rilassante ma anche dinamica, con escursioni, esplorazioni individuali e visita di diverse isole e atolli.

Questo territorio comprende più gruppi di isole, di cui la più importante e popolata è Tahiti. La Polinesia francese è situata in una regione soggetta ad intensa attività sismica.

La Polinesia francese ha uno dei livelli di criminalità più bassi della Francia e dei suoi dipartimenti e territorio d'oltremare (DOM e TOM). Tuttavia, i piccoli furti (tra cui quelli di borse) accadono.

La copertura medica è generalmente buona sulle isole più importanti, ma limitata nelle regioni più lontane o meno popolate. Le persone che hanno bisogno di cure urgenti o soffrono di malattie gravi vengono spesso trasferite a Tahiti per essere assistite lì. A Papeete, la capitale di Tahiti, due ospedali e varie cliniche private forniscono le cure mediche per la salute dei non residenti.

Benché le strade più importanti siano ben tenute, molte strade secondarie non lo sono affatto. Il traffico su ruote è intenso, e veicoli e pedoni devono lottare per passare nelle vie strette. Le corsie sono delimitate e la legge impone a tutti i veicoli motorizzati di dare la precedenza ai pedoni, ma ciò non viene sempre rispettato. I turisti devono quindi stare attenti quando viaggiano in auto, in particolare di notte.

Clima


La Polinesia Francese gode di un clima tropicale gradevole, rinfrescato dagli Alisei del Pacifico.
La temperatura media è di circa 27°C e l’acqua delle lagune è abbastanza stabile intorno ai 26°C.
Nel corso dell’anno si distinguono due stagioni: una secca, da Aprile ad Ottobre, ed una calda e umida, da Novembre a Marzo. La prima è la più favorevole per visitare le isole della Società e gli atolli delle Tuamotu, la seconda è consigliata per la visita delle isole Marchesi.

Documenti necessari e oneri doganali


Per l’ingresso dei cittadini italiani in Polinesia è richiesto un passaporto con validità di almeno 6 mesi.
Se è previsto un transito/soggiorno negli Stati Uniti è necessario avere il passaporto individuale in regola (bambini inclusi) e fare la registrazione ESTA sul sito https://esta.cbp.dhs.gov.
Il passaporto valido per gli USA deve essere di uno dei seguenti tipi:
1) elettronico (detto anche biometrico) emesso dopo il 26 ottobre 2006
2) con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006
3) a lettura ottica rilasciato o rinnovato entro e non oltre il 25 ottobre 2005.
Qualora il passaporto non rientrasse in una di queste tipologie, bisogna rifarlo o richiedere un visto.
In Polinesia non sono previste tasse di ingresso/uscita, ma è prevista una tassa di soggiorno da regolare direttamente presso gli hotel o le pensioni.

Fuso orario


Rispetto all'Italia la Polinesia Francese è 11 ore indietro, 12 quando in Italia è in vigore l’ora legale (da fine marzo a fine ottobre). Nonostante la differenza di fuso ci si abitua presto alla vita in Polinesia: ci si sveglia e corica presto, in armonia con i ritmi del sole e sfruttando al massimo le ore di luce.

Salute


Non è necessaria alcuna vaccinazione o profilassi ai cittadini italiani diretti in Polinesia. 
La destinazione non presenta alcun rischio per la salute e sono presenti strutture di buona qualità.
A Tahiti e Raiatea vi è un ospedale, inoltre le isole principali sono dotate di strutture ambulatoriali e studi medici. In Polinesia non ci sono serpenti, ragni velenosi o altri animali pericolosi. 
Si consiglia di prestare attenzione ai coralli per evitare ferite durante il bagno in mare e di applicare adeguata protezione solare.

Valuta locale


La moneta ufficiale è il Franco del Pacifico, che ha un cambio fisso con l’euro: 1€ = 119,33 CFP.
Gli alberghi, alcune pensioni ed esercizi commerciali accettano le carte di credito più diffuse.
Vi sono banche in tutte le isole principali, ma potrebbe essere difficile cambiare denaro nei weekend o in isole meno turistiche. Inoltre a volte vengono accettati direttamente gli Euro.
All'aeroporto di Papeete sono presenti due sportelli automatici per la conversione di Euro, Dollari americani e Yen in Franchi del Pacifico, ma non viceversa.

Elettricità


Corrente a 110 o 220 volts (60 Hz). Le prese di corrente sono su modello europeo continentale per spine a punte rotonde. Con spine italiane generalmente non c'è bisogno di adattatore, tuttavia consigliamo di portarne uno universale in caso di prese diverse.

Telefonia


L'operatore di telefonia mobile in Polinesia Francese è VINI, che gestisce una rete GSM 900 Mhz ed offre roaming internazionale in accordo con i principali operatori italiani. In loco è inoltre possibile acquistare una sim ricaricabile VINI da utilizzare sul vostro cellulare (prima verificare se compatibile).
Il sistema più economico per comunicare con l'Italia è tramite SMS (costo circa 70 cent). Consigliamo di  chiedere maggiori informazioni al vostro gestore prima di partire, anche in merito ad eventuali promozioni per la telefonia dall'estero.

I NOSTRI TOUR