Travel Design

Tour Lusso (Luxury Tour) Vietnam e Cambogia

22 giorni / 20 notti

Luxury Tour Vietnam e Cambogia (22 Giorni / 20 Notti ), un Tour ricco di emozioni e suggestivo. Tantissimi i siti archeologici e musei che verranno visitati, un itinerario dedicato a chi vuole solo il meglio dalla Vacanza. Itinerari ricchi di storia locale, escursioni su base solo individuale con guide locali parlanti italiano preparate ad uso esclusivo per tutto il viaggio e operativi aerei di linea in Business Class per i voli intercontinentali.

Il Luxury Tour Vietnam e Cambogia di Travel Design, Tour Operator specializzato in Viaggi di Lusso su Misura, è un Viaggio di altissimo livello per la qualità dei servizi inclusi, dal volo in Business Class per i voli intercontinentali, agli hotel più lussuosi, escursioni su base solo individuali e guide locali parlanti italiano ad uso esclusivo per tutto il tour.

Luxury Tour Vietnam e Cambogia: Extremely Deluxe

Viaggio di Lusso sono il nostro fiore all’occhiello e in questo splendido Luxury Tour Vietnam e Cambogia di 22 giorni / 20 notti ti offriamo il meglio dei nostri servizi deluxe.

Il Vietnam è una splendida Destinazione di circa 4000 anni di storia, ricchi di cultura e tradizioni. I paesaggi spaziano da spiagge e dune che accarezzano un mare dal blu più intenso a romantici orizzonti esotici, da morbide colline verdeggianti alle acque cristalline di cascate, laghi e fiumi che portano fino al Mar Cinese Meridionale. Paesaggi unici dove si susseguono armoniosamente pagode buddiste, case coloniali, pittoreschi villaggi e città piene di vita.

La Cambogia è una Terra spiritualmente intensa e misteriosa, avvolta nei segreti della folta giungla e attraversata dal fiume Mekong. Distese di spiagge incontaminate, antichi templi di sontuose città imperiali e numerosi tesori architettonici e paesaggistici.

Un Paese dalla storia millenaria, che vanta una ricchissima tradizione culturale.

Tra i Tour Estremo Oriente, l’esclusivo Luxury Tour Vietnam e Cambogia è un’esperienza incredibile in Estremo Oriente all’insegna del Lusso, per chi desidera una Vacanza di alta qualità.

Siamo un Tour Operator dall’esperienza ventennale nella realizzazione di Viaggi di Lusso su Misura, esperti delle migliori Destinazioni del Mondo. Per il tuo Luxury Tour Vietnam e Cambogia scegliamo la migliore hotellerie dai servizi top class. Inoltre ci avvaliamo dell’assistenza di guide esperte per garantire alti standard di qualità del nostro servizio e proporre itinerari sempre nuovi.

Luxury Tour Vietnam e Cambogia: goditi il Lusso di Travel Design

Programma di viaggio

GIORNO

ITALIA-BANGKOK

Partenza con volo di linea Thai da Roma o Malpensa consigliamo di presentarsi almeno 3 prima della partenza volando in Business i nostri clienti potranno usufruire della lounge per l'attesa dell'imbarco pasti e pernottamento a bordo

GIORNO

BANGKOK - HANOI

Arrivo in mattinata in coincidenza con il volo Thai per Hanoi dove si atterra dopo 2 ore circa di volo . Dopo il disbrigo delle formalità doganali e l’ottenimento del visto in aeroporto incontro con la guida all’ uscita dell’aeroporto Trasferimento in albergo (circa 1 ora di viaggio) Sofitel Metropole Legend Hotel (Grand Luxury Room) Check-in alle ore 14:00 Resto della mattinata dedicato al riposo
Hanoi é la più antica capitale del Sud-Est asiatico: é nata ben prima di Bangkok di Yangon di Tokio e della stessa Pechino Un tempo ricca di templi e pagode nel secolo scorso venne trasformata dai francesi in una grande città coloniale con larghi viali alberati laghi verdi parchi e ville che ricordano una cittadina francese degli anni '30 Oggi la città è una sintesi di stili di vita: appare così tra i vicoli e gli eleganti scorci della città vecchia lungo i viali del restaurato centro coloniale tra i templi buddhisti Al pomeriggio visita del “cuore” di Hanoi: la “Pagoda a pilastro unico” degli inizi del XI secolo il Mausoleo di Ho Chi Minh (dall’esterno) e la casa su palafitte nella quale lo statista visse e lavorò dal 1958 al 1968. La giornata si conclude con lo spettacolo delle Marionette sull’Acqua una rappresentazione classica che ha radici antichissime ed attinge ai racconti popolari ed agli aneddoti storici Con l'accentuarsi del carattere satirico raggiunse la sua forma scenica definitiva nel XVII secolo per segnare il risveglio della coscienza contadina. La frequenza di specchi d'acqua nelle pianure inondate dal Fiume Rosso, fu uno dei fattori della nascita nel X secolo di un genere esclusivamente vietnamita, il Roi Nuoc, o marionette acquatiche, che rappresentano scene di vita popolare ed episodi di storia nazionale. Le figure che occupano la scena vanno dai personaggi più semplici della vita quotidiana del villaggio alle forme fantastiche del serpente d’acqua, del drago, della fenice che con i loro colori e la loro veloce mutevolezza fanno di una semplice rappresentazione un vero capolavoro. Le marionette d’acqua sono la vera espressione culturale del popolo vietnamita, hanno attraversato mille anni di storia e sono arrivate fino a noi non come cose vecchie, ma con un carico di attualità ed una modernità di rappresentazione assolutamente sorprendenti.
Cena in albergo.

GIORNO

HANOI

Prima colazione in albergo.
Giornata di visite in città: il Lago della Spada Restituita con il Tempio Ngoc Son l’interessante Museo Etnografico il Tempio della Letteratura del 1070 consacrato a Confucio per rendere omaggio agli eruditi e ai letterati il museo della prigione Hoa Lo usata dai coloni francesi per i prigionieri politici e in seguito dal Vietnam del Nord durante la guerra contro gli Americani che l’avevano sarcasticamente soprannominata “Hanoi Hilton” Il tempio Quan Thanh, del XVII secolo magnifico esempio dell'arte della scultura su legno e la Pgoda di Tran Quoc sul Lago dell’Ovest concludono la giornata
Pranzo in ristorante Cena libera.

GIORNO

HANOI - BAIA DI HALONG

Prima colazione in albergo.
Partenza al mattino per la celeberrima Baia di Halong (Patrimonio UNESCO) dove ci si imbarca sulla giunca “Violet” (Cabina Deluxe) http://heritage-line.com/cruise/violet/ alla scoperta d’incantevoli scenari che si snodano tra la miriade di isole, faraglioni g dentro le quali si aprono grotte ove stalattiti e stalagmiti disegnano stravaganti scenografie La giunca effettuerà alcune fermate per la visita alla grande grotta carsica Tien Ong ed al villaggio galleggiante di Cua Van La guida lascia i clienti al porto di Halong Pranzo e cena a bordo.

NOTA: predisporre un bagaglio a mano per la crociera. Le valige vengono lasciate sul pullmino ad Halong e custodite dall’ autista.

GIORNO

BAIA DI HALONG - NINH BINH

Prima colazione a bordo
La magnifica navigazione prosegue per il rientro ad Halong Possibilità di partecipare ad una sessione di Thai Chi sul ponte della giunca Brunch a bordo e sbarco alle ore 11:00 Incontro con guida e autista e proseguimento per Ninh Binh, meglio conosciuta come "Halong terrestre" Pernottamento in albergo Emeralda Resort Ninh Binh (Deluxe room) Cena in albergo

GIORNO

NINH BIHN - HANOI - HUE

Prima colazione in albergo
Al mattino visita di Hoa Lu l'antica capitale degli imperatori del XI sec. che custodisce i templi della dinastia Dinh e Le Anteriore Proseguimento per le Grotte Trang An che offrono uno dei più dolci e poetici paesaggi dell'Asia in uno scenario quasi irreale scoscese formazioni rocciose emergono dalla piatta distesa delle risaie e si aprono in fantastiche grotte decorate da incredibili stalattiti e stalagmiti
Proseguimento per l'aeroporto di Hanoi e volo per Hue riconosciuta Patrimonio dell'Umanità Dall'UNESCO Trasferimento in albergo La Residence Hue Hotel (Superior River View

GIORNO

HUE

Prima colazione in albergo.
Visita dell’antica capitale dove gli imperatori Nguyen fecero edificare nel 1802 la grandiosa Cittadella con la Città Proibita costruita secondo i dettami della geomanzia cinese Si prosegue con la visita al Mausoleo di Tu Duc e l’escursione in lancia a motore alla Pagoda della Dama Celeste, la Thien Mu, sulla sponda sinistra del Fiume dei Profumi Non può mancare inoltre una passeggiata fra i banchi del mercato di Dong Ba Pranzo in ristorante e cena libera.

GIORNO

HUE - DANANG - HOI AN

Prima colazione in albergo.
Partenza per Danang dove si visita il Museo dell’arte Cham costruito dai Francesi nel 1915 per ospitare una preziosa collezione di sculture hindu provenienti dai siti dell’antico regno Champa (VII-XV sec). Quindi si sale sulla “Montagna di marmo” che offre un paesaggio quasi surreale in un susseguirsi di pagode e grotte sacre Proseguimento per Hoi An (16 km da Danang) (Patrimonio UNESCO) Pernottamento al Victoria Hoi An Resort & Spa (Garden View Room) Pranzo in ristorante e cena in albergo.

GIORNO

HOI AN

Prima colazione in albergo.
Hoi An è gelosa custode di un’affascinante miscela di templi pagode case comunitarie e soprattutto, vecchie case di ricchi mercanti ricolme di arredi, decorazioni e oggetti di raffinata fattura Il monumento forse più famosi è il ponte coperto chiamato “ponte giapponese” per la sua inconfondibile forma arcuata. Pranzo in ristorante e cena libera.

10°GIORNO

HOI AN - DANANG - NHA TRANG

Prima colazione in albergo Trasferimento all’aeroporto di Danang e volo per Nha Trang Sistemazione all’ Evason Ana Mandara Resort (Deluxe Sea View Room) Pasti liberi

11°GIORNO

NHA TRANG

Prima colazione in albergo Giornata libera a disposizione
Pasti liberi

12°GIORNO

NHA TRANG

Prima colazione in albergo Giornata libera per relax ed attività balneari Pasti liberi

13°GIORNO

NHA TRANG

Prima colazione in albergo Giornata libera a disposizione per relax ed attività balneari Pasti liberi

14°GIORNO

NHA TRANG - SAIGON

Prima colazione in albergo.
Trasferimento in aeroporto e volo per Saigon.
Ho Chi Minh City (ma tutti la chiamano ancora Saigon) ex capitale del Vietnam del sud e la città più grande del Paese rappresenta qualcosa di più della somma dei suoi palazzi strade traffico inimmaginabile intrigo di bici e risciò prostituzione…E’ la città che ha “perso la guerra ma vinto la pace” Qui si concentrano molte delle speranze di chi vuole emergere Qui sono espliciti i tentativi di presentarsi come un’altra delle “tigri d’Asia” ma sono altrettanto visibili le contraddizioni proprie di un Paese con forti sacche di arretratezza e marginalità sociale Sopra ogni altra cosa è evidente il fermento la frenesia la sbornia dell’attivismo ed arrivismo individuale spesso senza limiti e valori nel tentativo di recuperare il tempo perso a causa delle ingerenze esterne e dei freni dell’ideologia massimalista.

Giornata di full immersion con visite alla Cattedrale di Notre Dame al Palazzo della Posta in stile liberty al Museo della Guerra al all’ affollato mercato di Ben Thanh ed alla pagoda Thien Hau Pranzo in ristorante locale Cena libera. Pernottamento al Caravelle Hotel (Deluxe Room), nel cuore di Saigon ricostruito sulle macerie dell’albergo degli anni’60 che ospitava l’American Broadcating Company Alla sera sarà piacevole passeggiare e fare acquisti lungo la via Dong Khoi, la vecchia “Rue Catinat” dei francesi, (più volte richiamata ne “L’amante” di Marguerite Duras, nata a Saigon), o salire sulla terrazza dell’hotel Rex. Si trova al centro della città nella zona di Dong Khoi, ed è certo il più famoso, ma non il migliore, albergo dell’ex capitale del Vietnam del Sud. Qui soggiornavano gerarchi militari USA e giornalisti di tutto il mondo che, dalla sua panoramica terrazza con un drink in mano, seguivano l’evolversi della guerra (in quel periodo, su questa stessa terrazza, solevano amabilmente discutere anche Tiziano Terzani e Oriana Fallaci)

15°GIORNO

SAIGON - NAVIGAZIONE DELTA DEL MEKONG

Prima colazione in albergo.
Partenza al mattino presto in auto per la vasta regione del mitico Delta del Mekong dove vivono vietnamiti ma anche cinesi, khmer e cham Il Mekong scorre per oltre 4500 chilometri attraverso Cina Birmania Laos Cambogia e Vietnam dove forma l’enorme delta, la cui regione era un tempo parte del dominio khmer E’ proprio per questo che ancora oggi parte dei Cambogiani la ritengono “Cambogia meridionale”. Nel periodo caratterizzato dalla presenza al potere dei Khmer Rossi ci fu il tentativo di annettersi questa zona, che suscitò la reazione del Vietnam da poco unificato. Il conseguente conflitto portò alla sconfitta degli invasori ed innescò la definitiva eclissi del regime di terrore cambogiano Ora il delta è divenuta un’area ad alta produttività agricola che, dopo la forte crisi dovuta alla collettivizzazione delle attività rurali seguita all’unificazione del ’75, consente al Vietnam di presentarsi nel panorama mondiale come il secondo esportatore mondiale di riso (oltre che essere anche, cosa poco nota, il secondo produttore di caffè).

Lasciata Saigon, dopo circa tre ore di viaggio si raggiunge il porto fluviale di Cai Be dove alle ore 10.00 ci si imbarca sul sampan (riservato in esclusiva per voi). La guida vi lascia al porto.
Il sampan si addentra nel colorato mercato galleggiante di Cai Be per poi procedere verso Vinh Long e Sa Dec risalendo la corrente del fiume Tien Gian, uno dei due grandi bracci del Mekong. La crociera prosegue in un piccolo canale dove si trasborda su una piccola imbarcazione per poter ammirare da vicino frutteti e piccoli villaggi sulle rive. Più avanti si farà una sosta interessante presso una fabbrica artigianale di mattoni e si camminerà lungo i vicoli stretti di Sa Dec, suggestiva cittadina dove ancora si possono ammirare vecchie case francesi e templi cinesi risalenti al secolo scorso. Non può mancare la visita all’antica casa in cui visse Ong Huyen Thuy Le, “L’amante” della celebre scrittrice Marguerite Duras. Si torna a bordo ed il sampan prosegue verso sud lungo un bel canale, passando sotto a vari “ponti delle scimmie” e costeggiando villaggi tipici. In alcune fermate sarà possibile stabilire contatti con la popolazione locale ed effettuare la visita ad un tempio Caodaista. Prima del tramonto faremo la nostra ultima tappa della giornata presso una splendida dimora del XIX secolo. Verremo accolti dai proprietari che avranno allestito una cena a lume di candela. Un'esperienza indimenticabile in un'atmosfera unica. Dopo cena, il sampan navigherà per circa un’ora fino ad ormeggiare in un luogo tranquillo non lontano da Can Tho. Pernottamento a bordo del Song Xanh Sampan

16°GIORNO

DELTA DEL MEKONG - CAI RANG - CHAU DOC

Prima colazione a bordo.
Verso le ore 6.00 il sampan riprende la navigazione e dopo un’ora a si arriva al suggestivo mercato galleggiante di Cai Rang il più grande del delta Fra le 8.00 e le 10.00 l’attività del mercato è molto intensa con numerosi sampan che trasportano riso, frutta, verdura pesci
La crociera termina al jetty del vostro albergo: Victoria Chau Doc Hotel (deluxe room)
Pranzo in ristorante locale. Cena in albergo.

17°GIORNO

CHAU DOC - PHNOM PENH VIA FIUME

Prima colazione in albergo.
Si parte direttamente dall’ hotel con una barca veloce condivisa con altri turisti che in circa 4 ore arriva a Phnom Penh la capitale cambogiana Dopo le soste per il non sempre veloce espletamento delle procedure per il visto nel lato vietnamita ed in quello cambogiano (a bordo c’è una persona che vi aiuta nelle pratiche), si riprende la navigazione sul Tonle Bassac verso il nord La barca fa parte della compagnia Blue Cruiser
Arrivati a Phnom Penh, pranzo in ristorante e trasferimento a La Rose Suites (junior suite room)
Dopo il check-in è necessario fare subito le visite con la guida del Palazzo Reale e del Museo Nazionale perché chiudono alle 17.00 Cena in albergo.

18°GIORNO

PHNOM PEHN - SIEM REAP

Prima colazione in albergo.
Si parte per Siem Reap su strada buona attraverso zone di campagna ricche di palpitante vita quotidiana Lungo il percorso ci si ferma in località Kompong Kdei per ammirare uno straordinario ponte Spean Praptos costruito intorno al 1200 durante il regno di Jayavarman II Vale quindi la pena scendere dall’auto per assaporare il piacere di percorrerlo a piedi e ammirare le sontuose balaustre a forma di naga policefalo (il serpente sacro) e poi scendere lungo la riva del fiume per esaminare l’interessante struttura delle dodici campate che non sono altro che strette arcate fortemente ogivali che potevano così essere facilmente sbarrate per trasformare il ponte in una temporanea diga. Arrivo a Siem Reap, la località più prossima al sito di Angkor. Pomeriggio libero.
Pranzo e cena al Raffles Grand Hotel d’Angkor

19°GIORNO

SIEM REAP

Prima colazione in albergo.
Angkor, la città-tempio che arrivò ad avere un milione di abitanti quando a Londra erano cinquanta mila, è ora un patrimonio dell’umanità fra i più frequentati dai turisti che tutto l’anno e da tutto il mondo vengono ad ammirare la stupefacente grandiosità delle sue rovine che basterebbero da sole a fare dell’Indocina il paradiso dell’artista e dell’archeologo E’ un incanto di pietra che racconta storia e miti del mondo khmer, una delle più grandi potenze del Sudest asiatico per oltre 500 anni. La storia di Angkor, che in sanscrito significa “capitale” è quasi ignota. Si sa che il suo fondatore fu Yasovarman re khmer vissuto verso il mille e che nei due secoli successivi i suoi discendenti l’abbellirono ed ampliarono ma a partire dal XIV secolo la città decade e il mistero a poco a poco la riprende. Nel XVI secolo i portoghesi la segnalano come un’antica città “romana” perduta nella foresta ed è solo nel 1850 che un missionario francese raggiunge Angkor denunciandola come un’opera diabolica un centro d’idolatri. Infatti, i bonzi cambogiani e siamesi avevano stabilito i loro conventi nelle rovine e vi cremavano i morti insigni della nazione Angkor è stata rivelata all’Europa dal naturalista francese Enrico Mouhot che la riscoprì casualmente nel 1860. Ma a che scopo citare date e cronologia? Ad Angkor bisogna venirci!

Al mattino penetriamo nei limiti del quadrato di Angkor Thom entrando per la monumentale porta sud aperta nel centro delle sue mura imponenti. Nel punto di congiunzione delle diagonali del quadrilatero fortificato sorge il Bayon, “monte centrale” del tempio dei templi, il più enigmatico e suggestivo fra tutti gli edifici fatte erigere sul finire del XII secolo dal grande Jayavarman VII. Può essere considerato come l’espressione “barocca” dell’architettura khmer, ma è molto indicativo il fatto che quanto più si lo si osserva tanto più l’urto emotivo e il suo fascino aumentano. Anche l’intera composizione, che al primo momento sembra terribilmente caotica, acquista un certo senso di ordine. Una delle strutture più interessanti del Bayon è la grande loggia di bassorilievi – attualmente scoperta per il crollo della galleria – un muro di pietra damascata dove, per la prima volta, scene desunte dalla storia dei Khmer e raffigurazioni della vita quotidiana prevalgono sulla mitologia hindu. Danze, feste, principesse in piroga su fiumi ricchi di pesce, battaglie navali, eserciti in marcia con elefanti, carri e folle che seguono, eremiti sorpresi nella solitudine, alberi e uccelli, fiori di loto e bandiere…qui l’arte diventata follia ma allo stesso tempio i bassorilievi offrono la testimonianza, evidente e rara, dell’attenzione che un re ha rivolto alle gioie e alle sofferenze del suo popolo. Quando si sbocca per una delle scale d’accesso al secondo piano del tempio, bisogna rinunciare a descrivere lo spettacolo delle 54 torri su ognuna delle quali sono scolpiti quattro giganteschi volti raffiguranti probabilmente Lokitesvara – il Bodhisattva della Compassione – al cui sguardo e sorriso enigmatico nessuno, da qualunque parte si avvicini, può sottrarsi. Le piogge hanno consunto i lineamenti degli enormi volti, gli occhi sembrano semichiusi o abbassati sul sorriso delle labbra grasse e sensuali. Dal Bayon, si passa alla piazza detta reale, circoscritta da un altro panorama di architetture, fra le quali il motivo essenziale è la Terrazza degli elefanti, una tribuna reale fatta per assistere alle feste e alle sfilate su cui troneggia la solitaria statua che il popolo chiama “del Re lebbroso”.


Per l’apoteosi delle ore pomeridiane riserviamo la visita del celeberrimo Angkor Vat, iniziando dalla Porta ad oriente che offre un’atmosfera molto suggestiva e dove l’afflusso turistico è scarso. L’ingresso principale lo si potrà ammirare al termine della visita. Fra tutti i templi khmer è sicuramente il capolavoro indiscusso dell’architettura e dell’arte di questa straordinaria civiltà. Misura un perimetro esterno di 1800 metri per 1300 e culmina con il raffinato profilo delle cinque torri-santuario che chiudono l’orizzonte. Saliti i gradini d’accesso al secondo piano, si ha dinnanzi il massiccio centrale di Angkor Vat sormontato dalle alte torri intatte di cui quella del centro leva il suo pinnacolo a sessantacinque metri dalla pianura Il ricamo del gigantesco blocco geometrico e preciso nel mare della foresta, annulla ogni efficacia di cifre. Nei raffinati bassorilievi di un chilometro di lunghezza che tappezzano le gallerie la scultura sfiora la pietra per descrivere i grandi miti del Mahabarata e del Ramayana e fra le finestre decine e decine di devata ed apsara, seducenti ninfe celesti, offrono la spettacolare testimonianza di un’eccelsa arte figurativa. I lavori di costruzione del tempio iniziati nel 1120 terminarono nel 1150 alla morte del suo ideatore, il grande Suryavarman II; in quell’epoca in Italia si consacrava la Cattedrale di Pisa e a Parigi si costruiva Notre Dame Pranzo in ristorante. Cena libera.

20°GIORNO

SIAM REAP

Prima colazione in albergo.
Inizieremo le visite da Ta Prohm il più emozionante fra tutti i monumenti angkoriani (consigliamo vivamente di fare questa visita di grande suggestione verso le 06,30 del mattino senza la presenza del flusso turistico che solitamente arriva verso le ore 8.30) Volutamente gli archeologi hanno preferito lasciarlo quasi nelle stesse condizioni in cui fu scoperto Infatti qui la foresta è l’assoluta protagonista L’albero e la liana non si sono in nessun luogo associati all’ architettura con maggiore maestà ed armonia come al Ta Prom, monastero buddhista fatto erigere da Jayavarman VII nel 1186 e dedicato a sua madre. Varcato il primo muro di cinta, si assiste a uno spettacolo inverosimile Altissimi alberi di Ceiba Pentandra e di Ficus Gibbosa avvolgono con le loro gigantesche radici come enormi tentacoli di piovra le gallerie basse, i cortili e le torri dove grazia e tragedia, violenza e tranquillità si fondono
Le visite proseguono con il meraviglioso Banteay Srey (la “cittadella delle donne”) vero gioiello dell’arte khmer del 967, a cavallo tra i regni di Rajendravarman e Jayavarman V. Si erge solitario a circa 40 km a nord–est di Angkor ed è indiscutibilmente il più delicato ed elegante tra le testimonianze architettoniche del sito. Il complesso è costituito da tre santuari in arenaria rosa, dedicati a Shiva, interamente ricoperti da finissimi delicati bassorilievi Un’altra caratteristica che lo rende unico sono i doppi frontoni con la loro forma ad arco che ricorda i torana (porte d’ingresso) di legno dei templi arcaici.

Poco lontano, in un villaggio isolato, visiteremo il tempio Banteay Samre, del XII secolo costruito durante il regno di Suryavarman II. E’ un santuario di medie dimensioni e siccome è quasi contemporaneo ad Angkor Wat ne ricorda lo stile e l’equilibrio armonico delle strutture con una particolarità esclusiva data da pinnacoli ovoidali, sempre in arenaria grigia, collocati lungo le cuspidi dei tetti. Il tempio è stato oggetto di uno dei più accurati e meglio riusciti restauri con il metodo dell’anastilosi. Pranzo in ristorante.
Cena barbecue a buffet con spettacolo di danza antica khmer (inserita dall’UNESCO nella lista dei Patrimoni Immateriali dell’Umanità).

21°GIORNO

SIAM REAP - BANGKOK - ITALIA

Prima colazione in albergo.
Partenza in auto per il lago Tonle Sap da dove, a bordo di un’imbarcazione locale, si raggiunge il villaggio di Kompong Phluk. Tonle Sap è il lago più grande del sud-est asiatico e nella stagione delle piogge espande a dismisura le sue dimensioni irrigando i fertili campi di riso che nei secoli costituirono una delle principali ricchezze sulle quali si fondò il glorioso Impero Khmer. Kompong Phluk è uno dei tanti villaggi di pescatori, generalmente appartenenti ad etnie minoritarie di diversa origine, che vivono in case di legno poste su palafitte che raggiungono anche i sei metri di altezza permettendo così la vita della gente anche quando il villaggio è allagato. In tarda mattinata rientro a Siem Reap.
Pranzo in albergo. Late check-out ore 17:00
Trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo per l’Italia pasti e pernottamento a bordo

22°GIORNO

ITALIA

Arrivo in Italia in mattinata

Il 99% dei nostri clienti è estremamente soddisfatto, dai un'occhiata alle recensioni

richiedi informazioni

Abbiamo ricevuto il tuo messaggio e ti abbiamo spedito una conferma di lettura. Verifica che questo messaggio non sia finito nella tua lista spam. Ti risponderemo il prima possibile.